I CMS – Considerazioni generali


Se prima sviluppare web significava dover scrivere numerose righe di codice per implementare
tutte le funzionalità richieste, oggi il tempo da associare alla realizzazione di un prodotto web può
essere impiegato per operare più ad alto livello. Con l’introduzione dei framework prima e dei
CMS poi l’impegno dedicato alla programmazione pura si è notevolmente ridotto, consentendo di
concentrare gli sforzi sul layout e sui contenuti.
I CMS, Content Management System, sono delle piattaforme che offrono tutti gli strumenti
necessari per poter creare, quindi gestire, un portale web anche complesso.
Dalla registrazione degli utenti alle aree riservate, dalla gestione dei menù contestuali alle
integrazioni di immagini e video.. tutto è fruibile seguendo una logica precisa e rigorosa ma
univoca e definita.
Spesso si è tentati di pensare che allestire un sito web con un CMS comporti poco dispendio di
tempo e di “energie”: non è affatto vero. Anzi, dato che le informazioni che i CMS ci costringono a
inserire sono molte, devono essere ponderate con attenzione al fine di comprometterne anche
solo uno dei requisiti sopra elencati.

Un discorso a parte merita la questione legata alla definizione del layout grafico. Anche in questo
caso, spesso, si parte da template già sviluppati e si procede con la personalizzazione.
Purtroppo però questa tecnica prevede un certo tempo da impiegare per capire come sono stati
realizzati i template per procedere successivamente alla loro modifica. Questa fase è un vero e proprio
“terno al lotto” in quanto non si può sapere a priori se sono stati realizzati con una logica lineare
o con un complicato intreccio di rimandi e richiami a files esterni.

In ultimo è bene ricordare che una “pagina web” deve seguire delle regole ben definite: testi poco
prolissi e molto chiari con immagini fortemente rappresentative per gli articoli di home page; testi
completi, gallerie immagini ed eventuali allegati PDF scaricabili per gli articoli di
approfondimento.